Contàgiati e contagiàti: l’intervento di Giovanni Dotti all’Assemblea regionale 11/10/2020

“È proprio vero che bisogna ripartire, si sente da tutte le parti parlare di ripartenza, ma la mia tesi è che non bisogna ripartire. Perché ripartire, che vuol dire ricominciare sulla strada che avevamo fatto prima, significa rimuovere quello che ci è successo.”

Inizia con queste parole l’intervento di Giovanni (Johnny) Dotti durante l’Assemblea regionale del 11 ottobre 2020.

Johnny, sociologo, imprenditore sociale e professore all’Università Cattolica di Milano, vive con moglie e figli a Bergamo, una delle città più colpite dalla pandemia. Grazie alle sue parole abbiamo potuto analizzare oggettivamente quello che ci è successo in questi mesi, dalla crisi del sistema tecno-capitalista, alla messa in crisi dei nostri stili di vita. Tante domande, stimoli e provocazioni, per non ripartire, ma trasformarsi. E cogliere l’occasione di vivere nelle nostre comunità una vera comunione, accogliendo vuoti e fragilità nostri e degli altri. Diventando capaci di fare silenzio per dare valore alla Parola, ai gesti, ai riti e condividere i nostri valori e le nostre “perle educative” con quante più persone possiamo.

 

Qui il documento con l’intervento integrale:

Intervento Giovanni Dotti Ottobre 2020